fbpx

I 10 migliori siti Print On Demand nel 2019

A differenza delle case editrici e delle aziende di abbigliamento che stampano libri o capi di abbigliamento alla rinfusa; i siti e i servizi di Print On Demand si basano maggiormente sulle esigenze dei clienti.

Puoi stampare libri, vestiti, tazze, custodie per cellulari, cappelli, decorazioni per la casa e quant’altro grazie a questi siti.

Quindi, cosa rende questi siti e servizi diversi? Nel corso degli anni il Print On Demand sta diventando una rivoluzione e un certo numero di persone ne beneficia.

Cosa importate è che la maggior parte dei siti

  • non prevede alcun pagamento anticipato per mostrare i tuoi progetti
  • nessun esiste problema di scorte, problemi di stampa e produzione
  • ti consentono di concentrarti solo sulla creazione di prodotti e sulla loro vendita
  • prodotti sono di alta qualità
  • servizio dropshipping, ovvero consegna direttamente al tuo cliente finale

1 – Printful

Sono in attività dal 2013 e hanno un modello leggermente diverso rispetto ad altri portali.

Pubblicizzi i loro prodotti su altri siti di e-commerce. Quando viene ricevuto un ordine, comunichi con Printful per effettuare la stampa e la consegna del prodotto direttamente al tuo cliente finale.

Con Printful puoi personalizzare vestiti per tutte le età, stampe murali, accessori come borse, cover per telefoni, oggetti decorativi come fodere per cuscini, asciugamani.

Printful si distingue come uno dei migliori siti di stampa on demand per questi motivi:

  • Opzioni di personalizzazione del marchio : tutto è stampato e spedito sotto il tuo marchio con etichette personalizzate e pacchetti tra le altre opzioni
  • Nessun minimo d’ordine: tutto è stampato su richiesta, quindi puoi ordinare tutto ciò di cui hai bisogno senza conservare l’inventario
  • Iscrizione gratuita senza costi mensili: paga solo quando viene inviato un ordine e solo per i prodotti ordinati

Printful si integra con più di 14 piattaforme tra cui, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: Shopify, Etsy, WooCommerce, Amazon, eBay e BigCommerce.

2 – Printfiy

Printify, una startup di 80 persone, reinventa le attività di stampa su richiesta (POD), in modo tale che i proprietari delle attività di e-commerce non debbano più creare prodotti personalizzati da vendere su altre piattaforme.

Oggi possono venderli direttamente nei loro negozi online.

L’attività di stampa su richiesta con sede a Riga, in Lettonia, consente ai commercianti di costruire il proprio marchio, in quanto beneficiano della sua piattaforma a basso costo, stampa veloce e alta qualità. In questo modo, possono creare i propri micro-marchi.

Eliminano la seccatura di gestire attività banali come evasione degli ordini, fatturazione, richieste di produzione e spedizione.

3 – Zazzle

Su Zazzle puoi creare oltre 1500 oggetti e personalizzarli ulteriormente per realizzarli. Si può scegliere il design di un artista o progettare qualcosa da soli.

Su Zazzle puoi stampare t-shirt, bottoni, borse, inviti, tazze, adesivi, biglietti da visita, vestiti per bambini, ciucci per bambini e altro ancora.

Esistono tre opzioni di account: Designer, Maker o Affiliate.

Ognuno viene fornito con i propri strumenti, motivo per cui è necessario sapere quale account si desidera.

4 – Redbubble

Redbubble è un marketplace per numerosi prodotti.

È un sito amato e ha una grande base di consumatori.

Su Redbubble esiste un’ampia varietà di articoli come t-shirt, gonne, quaderni, copri piumini, cartoline, felpe, sciarpe, adesivi e altro ancora.

5 – TeeSpring

Come Zazzle, puoi scegliere un design esistente sul portale o crearne uno tuo.

Teespring ha tuttavia un requisito di quantità minima per la stampa.

Inoltre, qui un artista deve soddisfare il requisito minimo di vendita e promuovere il proprio prodotto per essere pagato.

Su Teespring personalizzi magliette e altri capi di abbigliamento, decorazioni per la casa, tazze e articoli da regalo.

6 – Society6

Society6 non ha confini geografici. Gli artisti di tutto il mondo possono caricare e vendere la loro arte.

L’area di nicchia per Society6 sono le stampe d’arte.

Questo li rende unici. 

7 – Sunfrog

Sono famosi per le loro camicie e magliette.

Esistono diverse categorie tra cui scegliere.

Data l’ampia scelta, Sunfrog ha un buon traffico clienti.

8- Teefury

Questo portale è dedicato a magliette, felpe e poster di alta qualità.

Il sito ha una strategia di marketing unica. Alcuni progetti sono disponibili per un periodo di tempo limitato: questo li aiuta a ottenere un buon traffico clienti.

Le stampe previste su Teefury riguardano t-shirt, felpe e poster.

9 – Threadless

Questo sito ha un modo unico di lavorare.

Un artista può inviare il proprio disegno ma il disegno è disponibile per la vendita solo se votato dalla community threadless.

Quindi, c’è un rigoroso processo di selezione prima che il design sia reso disponibile per il consumatore.

Su Threadless trovi abbigliamento per tutte le età, decorazioni per la casa e accessori come cover per telefoni, cappelli, quaderni, teli mare e molto altro.

10 – Design by Humans

Questa è una community di artisti, giocatori, designer e youtuber.

Questo portale ospita alcune delle più grandi opere d’arte su Internet.

Le competizioni di magliette, per lo più a tema, si svolgono quasi ogni giorno.

I design vincenti sono venduti a tariffe scontate.

La commissione di un artista aumenta con le vendite fatte.

Su Design by Humans trovi abbigliamento per tutte le età, accessori come tazze, bottoni, cappelli e arte da solo in stampe di varie dimensioni.

Conclusioni

Come accennato in precedenza, la maggior parte dei siti non addebita a un artista il caricamento della propria arte.

I metodi di pagamento per gli artisti variano da sito a sito.

Mentre la maggior parte di essi utilizza il metodo Paypal, i loro criteri di vendita e pagamento differiscono.

Esponi le tue regole

Hai fatto tutto ciò che era necessario per attirare un acquirente nella tua inserzione prodotto. Assicurati di non perdere quella persona aggredendola con le tue politiche di reso, come un cane che abbaia ad un estraneo!.

Esponi completamente tutte le politiche, usando un tono amichevole ed accomodante. Ricorda che la competizione è a portata di clic. Il tuo compito è quello di mantenere l’attenzione dell’acquirente, acquisire fiducia e chiudere la vendita.

Ad esempio, invece di dire “Spediamo solo il mercoledì e il venerdì”, è meglio riportare “A causa del numero elevato di ordini, concentriamo le spedizioni in due volte la settimana. Se hai bisogno di ricevere l’articolo più velocemente, ti preghiamo di contattarci, e faremo del nostro meglio per soddisfare la tua richiesta.”

L’atteggiamento è tutto, soprattutto quando tutto ciò che c’è tra te ed il tuo potenziale acquirente è il display di uno smartphone. Gli acquirenti non sono interessati a capire ciò che non farai, ma solo ciò che farai per loro. Non dare agli acquirenti un motivo per abbandonare la tua pagina prodotto.

Descrivi e spiega

Lo shopping su Internet è diverso dallo shopping al dettaglio. L’acquirente non può vedere, toccare o esaminare l’oggetto da vicino. Non possono provare vestiti o scarpe o ascoltare la qualità audio di una cassa acustica. Non riescono a sentire il tessuto o valutare quanto sia pesante qualcosa.

Usa foto e parole per descrivere l’oggetto in dettaglio e precisione. Scatta foto come se non ci fosse una descrizione e descrivi come se non ci fossero foto. Aggiungi quanti più dettagli possibile. Includi sempre le misure e mostra tutti i lati degli oggetti tridimensionali. Scatta foto della confezione o dei tag di vendita se applicabile. Descrivi i materiali di cui è fatto l’oggetto.

Mira a dare tutte le risposte che potrebbero passare per la mente del tuo potenziale acquirente. Togli qualsiasi obiezione. Parte di questo si chiama esperienza di acquisto. Man mano che gli acquirenti ti fanno domande, aggiungi la risposta nei dettagli della descrizione del tuo articolo. 

Una volta che gli acquirenti raggiungono la tua inserzione, trattali come oro.

I prodotti popolari fanno più casino!

L’aumento della popolarità di una inserzione del prodotto, è direttamente proporzionale alle tue vendite

Più attenzioni ha la tua inserzione, e più probabilmente sarà presente nelle ricerche compiute nel motore di ricerca del marketplace.

Quali sono gli elementi che determinano la popolarità? 

Le cose che possono aumentare la popolarità del tuo prodotto includono:

  • Numero di persone che stanno osservando l’oggetto
  • Numero totale di visualizzazioni 
  • Numero di domande, meglio se accompagnate da risposte fornite nel giro di breve tempo
  • Numero totale di unità acquistate 

Se il motore di ricerca registra questi indici con valori alti in una tua inserzione, capisce che il prodotto è popolare e lo posiziona in alto nei risultati di ricerca pertinenti.

Ma non è sempre così semplice.

Esistono altri valori che il motore di ricerca di un marketplace tiene in considerazione, relativamente la percentuale di persone che:

  • entrano nell’inserzione dopo essere apparsa nelle loro ricerche 
  • mettono il tuo prodotto in osservazione, nel carrello o salvano nella lista di acquisti del marketplace 
  • effettuano l’acquisto dopo essere entrati nell’inserzione

Le fasi pre-vendita sono cmq indicatori preziosi per una crescita esponenziale delle vendite del prodotto. 

Dopotutto popolarità equivale a viralità. Più click e più diffusione, porta ad amplificare il rumore della tua presenza nel web!

Conta davvero la descrizione dell’articolo del tuo eCommerce?

Ti accanisci a costruire una descrizione vincente per l’inserzione online del tuo articolo, e poi ti accorgi che il tuo concorrente vende il doppio di te usando un prodotto privo di descrizione o quasi?

Basandoci unicamente sulle performance della singola inserzione, ciò che determina la conversione di acquisto sono essenzialmente il titolo, le immagini, le specifiche del prodotto, la descrizione e le recensioni, le parole chiave..

Ma dove vanno messe le parole chiave?

L’inserzione di un articolo ricercato in modo specifico da un potenziale cliente, deve poter disporre della stessa combinazione di parole chiave per risultare pertinente e quindi appare tra i primi risultati.

Ciò che conta è DOVE metti le parole chiave.

La descrizione di una inserzione sta via via perdendo valore, ai fini della visibilità, e all’opposto assume sempre più importanza la compilazione dei campi dedicati alle specifiche (ad esempio su eBay) o ai bullet point (ad esempio su Amazon). E spesso è un carosello di immagini di qualità ad essere elemento sufficienti per aumentare la conversione e la propensione all’acquisto!

La descrizione, essendo uno spazio personalizzabile di grandi dimensioni, consente tuttavia di sfruttare tale caratteristica allo scopo di:

  • Rassicurare e fare sentire a proprio agio il potenziale cliente
  • Riportare una combinazione estesa di parole chiave

Il titolo e i campi di specifica non consentono, per ovvie ragioni di spazio, di riportare i vari sinonimi di un termine, la versione al plurale o al femminile, o il termine corrispondente in lingua inglese (spesso aiuta a convertire!), il brand della concorrenza o l’elenco delle compatibilità.

In conclusione, anche se la descrizione oggi è un pochino snobbata, può rivelarsi strategica se rispetta queste semplice 3 regole:

  1. deve essere responsive. la maggior parte delle consultazioni di prodotto e degli acquisti avviene tramite un dispositivo con un display di circa 5-6″. è importante che gli elementi che compongono la descrizione di una inserzione online siano ordinati e ben visibili per i dispositivi mobile
  2. le parole chiave devono essere numerose in modo da coprire quante più combinazioni possibili per le ricerche che riguardano il tuo prodotto e per essere meglio indicizzabili devono essere posizionate all’interno dei tag HTML di intestazione (H1, H2, H3…)
  3. la descrizione deve togliere qualsiasi obiezione. In questo spazio hai la possibilità di entrare nel dettaglio e sciogliere qualsiasi tipo di dubbio che metta a freno l’acquisto da parte dell’utente. Sfrutta le recensioni parzialmente o totalmente negative, soprattutto nelle inserzioni che riguardano prodotti della concorrenza e sfrutta le domande che gli utenti ti rivolgono. Se un utente arriva a consultare la descrizione, e spesso il merito è da dare altri elementi che compongono l’inserzione e la inflazionano, è nell’ultimo step che precede l’acquisto: ricordalo!

Infine una regola per tutte le descrizioni: usa testi semplici ed ordinati, meglio se con elenchi puntati e con l’ausilio di una buona formattazione, ed evita di essere prolisso.

Cassini: la guida per la SEO su eBay

Nel mercato evoluto di oggi, caratterizzato dalla più disparata multicanalità e da nuovi trand social pronti a catturare le attenzioni dei potenziali consumatori, avere una importante strategia SEO per il tuo eCommerce è davvero molto importante.

In questa guida imparerai come rendere le tue inserzioni eBay maggiormente raggiungibili e a vendere di più, comprenderai cos’è la SEO di eBay e di come ottimizzare il tuo negozio eBay per mostrarti al meglio dal motore di ricerca del portale eBay.

Vuoi sapere come portare la tua inserzione eBay in cima?

SEO per eBay è la risposta.

Differenze tra le SEO di eBay e di Google

SEO sta per “Ottimizzazione per i motori di ricerca” e se hai mai avuto a che fare con i blog o il marketing online, saprai l’importanza di una buona strategia SEO.

eBay ha dato un nome al proprio motore di ricerca. Si chiama Cassini .

Come funziona la SEO su eBay?

La relazione di eBay (e Cassini) con la SEO è simile a Google in molti modi.

In entrambi i casi, una ricerca mostra più versioni dello stesso prodotto. Ti da contenuti duplicati.

Cerca un prodotto su eBay e i risultati saranno più elenchi dello stesso prodotto di vari venditori.

Proprio come Google: più di uno stesso risultato.

Questo rende la SEO eBay molto diversa da Amazon, per esempio.

Una ricerca su Amazon (idealmente) non ti darà contenuti duplicati. Vale a dire, ogni risultato è un collegamento a un elenco.

Quindi, per distinguerti da tutti gli altri venditori eBay che propongono i tuoi stessi prodotti, è importante che tu modifichi i tuoi annunci per ottimizzarti a Cassini: per poterti distinguere devi utilizzare la SEO di eBay

Ma prima di iniziare a conoscere il SEO eBay, assicuriamoci di sapere esattamente cosa vuole vedere il motore di ricerca di eBay.

Cosa vuole Cassini (il motore di ricerca di eBay)

SEO non è solo un cumulo di parole chiave.

La SEO è la pratica dettagliata di ottimizzare ogni parte di una pagina Web per assicurarsi che un motore di ricerca la classifichi il più in alto possibile.

Le parole chiave svolgono un ruolo molto importante in questo, ma non sono tutto .

I motori di ricerca sono abbastanza intelligenti da osservare la tua inserzione e stabilire quanto sia utile la tua inserzione su eBay.

Cassini guarda le tue inserzioni nella loro interezza per verificare che siano abbastanza valide da mostrare nei risultati di ricerca. Chiediti:

  • Questa inserzione è ciò che l’acquirente sta effettivamente cercando?
  • Ci sono abbastanza informazioni rilevanti?
  • Aiuta, educa o intrattene l’utente o semplicemente vende?

Quando eBay mostra il tuo prodotto in una posizione elevata, lo fa perché Cassini vede la tua inserzione come accurata e preziosa .

Per fare ciò, Cassini esamina 3 funzionalità specifiche del prodotto relative a ciascuna delle tue inserzioni:

  1. Titoli del prodotto
  2. Specifiche dell’oggetto
  3. Categorie eBay

Il motore di ricerca Cassini di eBay esamina anche una vasta gamma di cose specifiche del venditore. Darà preferenze di alto livello ai venditori che:

  • Forniscono valore ai loro acquirenti
  • Già numerosi acquirenti soddisfatti hanno dato fiducia al venditore
  • Rendono l’esperienza di acquisto più semplice e veloce per l’acquirente

Ora esaminerai più in dettaglio i punti più fini dell’ottimizzazione dei motori di ricerca di eBay.

I 2 diversi tipi di SEO eBay

L’ottimizzazione delle inserzioni e del negozio eBay per la SEO consiste in 2 aree diverse.

  • SEO specifico del prodotto
  • SEO specifico del venditore

Se hai intenzione di fare SEO per eBay, devi capire entrambi.

Diamo un’occhiata a cosa sono fatti entrambi questi elementi.

L’ottimizzazione delle inserzioni e del negozio eBay per SEO consiste in 2 aree diverse.

  • SEO specifico del prodotto e
  • SEO specifico del venditore.

Se hai intenzione di fare SEO per eBay, devi capire entrambi.

La SEO specifica del prodotto consiste in pratiche SEO più tradizionali. Si basa sull’uso corretto di parole chiave pertinenti ed è simile alla SEO per i blog di Google.

SEO specifico del venditore
La SEO specifica del venditore è il modo in cui opera il tuo negozio e quanto valore offri a un cliente. Tempi di risposta rapidi e feedback positivi, ad esempio

Ricerca per parole chiave per ottimizzare eBay SEO

Le parole chiave del motore di ricerca di eBay sono le parole che usi per definire il tuo prodotto. Molto raramente una parola chiave è solo una parola.

Ad esempio, una delle parole chiave per questo articolo che stai leggendo ora è “eBay SEO “.

Ma la tua migliore inserzione su eBay avrà più di una parola chiave e dovrebbe anche consistere in frasi di parole chiave

Una parte spesso trascurata della ricerca di parole chiave l’utilizzo dei sinonimi nella costruzione del titolo e della descrizione dei prodotti

Utilizzando una vasta gamma di parole chiave e di relativi sinonimi, ottenere importanti benefici:

  • la tua inserzione risulta essere maggiormente pertinente alle ricerche, pertanto acquisisce più visibilità
  • ottieni traffico nel tuo negozio eBay direttamente da una ricerca su Google
  • vendi di più

Ma come trovare le migliori parole chiave eBay ?

Esiste una moltitudine di strumenti online basato sulla SEO di eBay che ti consentono di individuare le parole chiave da poter associare ai tuoi prodotti. Tra i migliori servizi citiamo:

  • KeywordTool Dominator
  • KeywordTool.io
  • Google Keyword Planner
  • AnswerThePublic
  • Terrapeak

Come eseguire una ricerca per parole chiave eBay

Utilizza gli strumenti facendo ricerche con il numero minore possibile di parole chiave che tu hai individuato per il tuo prodotto e consulta quali sono le ricerche correlate effettuate dagli utenti

Come diventare imprenditori online?

Per chi inizia ad intraprendere una attività di eCommerce, considerare eBay come scelta di partenza è una mossa decisamente strategica, in quanto la piattaforma si presta per la micro-imprenditorialità.

Nel corso del tempo eBay si è trasformata in un incubatore di nuovi imprenditori digitali, in tutti gli USA ed in tutta Europa, Italia compresa. A seguito di questo lancio iniziale, gli imprenditori di successo si sono strutturati aprendosi alla multicanalità, alla globalizzazione e alla diversificazione dell’assortimento di prodotti. Tutte conquiste facilmente raggiungibili e alla portata del venditore eBay.

Ma come inizia la storia questi nuovi micro-imprenditori digitali?

La passione, la scommessa, la necessità di ottenere nuove entrate, la voglia di riscatto, l’ambizione di costruire una propria attività o puramente mossi dalla consapevolezza acquisita che oggi Internet offre concrete possibilità per tutti di costruire impresa o di conseguenza un reddito.

Fino a qualche anno fa si potevano ancora nutrire dubbi, ma ora le potenzialità di Internet, legate in particolar modo con il commercio elettronico ed il web marketing (con strumenti sofisticati di profilazione), sono una realtà, se pur tangibile “digitalmente”..!

La tua identità su eBay

La scelta dei canali di vendita da utilizzare per la proposta di un ventaglio di prodotti spesso trascura un aspetto molto importante: il canale di vendita dovrebbe avere come fine ultimo quello di accrescere la reputazione del Brand sul web, condizione necessaria e vitale per il consolidamento e la longevità del tuo business online. 

Uno degli aspetti più interessanti che sicuramente caratterizza eBay è il fatto che il tuo negozio eBay conserva una propria chiara identità.

Un acquirente, infatti, all’interno della piattaforma è nelle condizioni di poter distinguere ed identificare facilmente chi è il venditore dell’oggetto che sta acquistando.

Contrariamente ad altre piattaforme di vendita online, eBay consente liberamente di personalizzare l’esposizione della propria vetrina online: questa caratteristica diventa molto importante per il Brand. 

I risvolti positivi si hanno soprattutto sulla generazione di traffico organico al tuo sito di ecommerce principale derivato da utenti consapevoli che sei sempre tu il venditore e che stai utilizzando più di un canale di vendita.

E’ buona norma non trascurare tuttavia gli canali di vendita che dettano i nuovi trend nonostante “spersonalizzano” il Brand del venditore: il riferimento va ovviamente ad Amazon,  dove al contrario è difficilmente percepito dall’acquirente qual è il venditore che gli ha inviato l’oggetto a casa.

Il sito di ecommerce dovrebbe sviluppare i maggiori fatturati del tuo business online, tuttavia soprattutto in fase di iniziale in cui il tuo Brand non è ancora riconosciuto, è eBay la piattaforma ideale allo scopo.

Attività in dropshipping da zero. Cosa dovrei fare?

Cosa determina il successo di una attività basata al 100% sul dropshipping?

Il tempo ha dato modo alle persone di prendere sempre più confidenza con i siti internet, e le regolamentazioni sui resi ed i metodo di pagamento sempre più sicuri hanno generato una cultura maggiormente incline a fare acquisti online. Il numero di transazioni, e di conseguenza i fatturati online, sono decisamente in grande trend di crescita in tutto il pianeta!

vuoi cavalcare l’onda? 

Oggi non solo è diventato estremamente comodo acquistare, ma lo è anche vendere!

Il Dropshipping alla portata di tutti

Il modello di business lascia all’imprenditore solo il compito di saper vendere, usando strumenti di martketing digitale. A tutti gli altri processi ci pensano il fornitore ed il software!

L’investimento per avviare da zero una attività basata su questo modello di business è molto basso e si limita ai costi della partita iva. La maggior parte dei fornitori in dropshipping, inoltre, non richiede investimenti o fee di ingresso per poter rivendere i loro prodotti.

Se invece è una attività commerciale ad affacciarsi al modello di dropshipping per incrementare la propria vetrina, l’investimento iniziale è spesso nullo.

Una volta scelto il partner giusto, sulla base dei prodotti con mercato e servizio post vendita efficace, è importante comprendere che l’attività richiede tempo per combattere la concorrenza. Non avendo elementi differenzianti, la battaglia si sposta sulla strategia di marketing.

In conclusione avviare una attività in dropshipping non ti consente di basare i tuoi guadagni sui prodotti, perché come è facile per te venderli, lo è anche per qualcun altro. La differenza la fa il tuo posizionamento online e come sai intercettare le esigenze dei tuoi clienti. 

Se non sei un espero di marketing, il consiglio è di acquisire conoscenze, e riceverai immediatamente soddisfazioni economiche. Garantito!

Cos’è l’High Ticket Dropshipping

Un negozio di prodotti di alta gamma può farti guadagnare molto, con meno lavoro. Essendo alto il prezzo medio di vendita, il numero di ordini è basso e la gestione totale di un attività di eCommerce basata su questo modello di business è davvero facile e poco impegnativa in termini di tempo. La vendita di dieci prodotti al prezzo di vendita medio di € 750 ti farà guadagnare più soldi di una collana da € 10!

Sembra surreale? A tutti gli effetti è molto appetibile come scelta, rispetto al classico dropshipping basato su articoli a prezzo, ma questo comporta un maggior dispendio di risorse per poter lanciare il negozio online e far iniziare le vendite. 

Occorre anzitutto una specializzazione sui prodotti che vendi, ed iniziare ad acquisire notorietà ed autorevolezza nel settore. 

Considera che stai puntando tuttavia su prodotti di altri brand, pertanto corri il rischio di aver investito più tempo e denaro di un normale business di dropshipping, la cui peculiartià è proprio quella di consentire di avviare una attività a zero investimenti iniziali.

Ma ricorda una cosa: quando si parla di articoli di alta gamma, non ci sono solamente i beni di lusso.. 

Grandi elettrodomestici per uso domestico, strumentazione industriale (per ristoranti ad esempio, o generatori di corrente), parti di ricambio di auto quali cerchi in lega e paraurti sono alcuni degli esempi di categorie prodotti sui quali poter avviare una attività in dropshipping con basso numero di ordinativi, pertanto poco impegnativa, ma con discrete marginalità.

Le spedizioni nel dropshipping

Uno dei problemi che affligge un eCommerce basato sul modello di business del dropshipping è rappresentato dai tempi di consegna: il consumatore è sempre più esigente, e non è più disposto ad aspettare a lungo.
Ad esempio una spedizione dalla Cina verso l’Italia, richiede normalmente 30 giorni lavorativi.
Molti servizi su cloud hanno puntato sul dropshipping con spedizioni dalla Cina, ma ora sta incontrando una contrazione e difficoltà.

La sfida è di far emergere sempre più aziende europee disposte a cambiare le proprio regole di distribuzione e di implementare tecnologie maggiormente rivolte al commercio elettronico.